• 10 miliardi di euro aggiuntivi per l’accoglienza delle persone in fuga dall’Ucraina

• L’UE dovrebbe pagare le spese di coesione del 2021 e 2022

• Liberare fino a 420 milioni di euro 2014-2020 non spesi per gli affari interni

Giovedì, il PE ha dato il via libera alla redistribuzione dei finanziamenti regionali e di asilo ai Paesi UE che ospitano le persone in fuga dall’invasione russa dell’Ucraina.

I deputati hanno adottato giovedì le misure di azione di coesione a favore dei rifugiati in Europa (CARE) tramite procedura d’urgenza, due settimane dopo che la Commissione europea ha presentato la sua proposta.

Il testo è stato approvato con 562 voti favorevoli, 2 contrari e 3 astensioni.

Fondi di coesione per i rifugiati

Questo aggiornamento delle regole dei fondi UE di coesione dovrebbe permettere una rapida riassegnazione dei finanziamenti per aiutare i Paesi UE e le loro regioni a fornire un sostegno di emergenza (alloggio temporaneo, cibo e acqua, cure mediche o istruzione) alle persone in fuga dall’aggressione russa in Ucraina. Ai fondi già disponibili, potrebbero aggiungersi quelli della politica di coesione 2014-2020 che non sono ancora stati assegnati o spesi, e ulteriori 10 miliardi di euro da “REACT-EU”.

A partire dal 24 febbraio, data che segna l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, I Paesi UE possono chiedere all’Unione retroattivamente l’importo investito per utilizzarlo per aiutare i rifugiati ucraini. L’UE dovrebbe essere in grado di finanziare il 100% dei fondi di coesione (invece dell’85%) spesi dai Paesi UE per un altro anno, da metà 2021 a metà 2022.

I fondi di coesione UE sostengono gli investimenti che favoriscono la coesione economica, sociale e territoriale dell’Unione, cercando di porre rimedio alle disuguaglianze tra regioni.

Giovedì alle 13.00, Younous Omarjee ed Elisa Ferreira, Commissaria per la coesione e le riforme, terranno una conferenza stampa.

Affari interni

In una votazione separata, i deputati hanno esteso di un anno (fino alla metà del 2024) il periodo per utilizzare i due fondi Asilo, migrazione e integrazione e Sicurezza interna per concedere ai Paesi UE un rapido accesso alle risorse inutilizzate. Potrebbero essere liberati fino a 420 milioni di euro e investiti in alloggi, cibo, assistenza sanitaria o personale aggiuntivo.

Il testo è stato approvato con 575 voti favorevoli, 4 contrari e 3 astensioni.

Prossime tappe

La proposta di Regolamento dovrà ora essere adottata formalmente dal Consiglio UE. Il testo entrerà in vigore il giorno dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Contesto

Secondo l’UNHCR (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati), più di 3 milioni di persone hanno lasciato il paese da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, la maggior parte delle quali si è diretta verso i paesi limitrofi.

Per ulteriori informazioni

Proposta di Regolamento UE – Azione di coesione per i rifugiati in Europa (CARE)

Proposta di Regolamento UE – Fondo Asilo, migrazione e integrazione

Procedura – Azione di coesione per i rifugiati in Europa (CARE) (EN/FR)

Procedura – Fondo Asilo, migrazione e integrazione (EN/FR)

Maurizio MOLINARI

Responsabile Media del Parlamento europeo in Italia

Alberto DARGENZIO

Addetto Stampa – ROMA

Valentina PARASECOLO

Addetta Stampa – MILANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.