• I paesi autoritari e malintenzionati, quali Russia e Cina, ricorrono alla manipolazione delle informazioni per interferire nei processi democratici dell’UE

• I cittadini e i governi europei sono in gran parte inconsapevoli delle minacce provenienti da attori stranieri

• Sanzioni contro le ingerenze straniere e le campagne di disinformazione

• Possibile revoca delle licenze alle organizzazioni che diffondono propaganda di Stato straniera

I deputati hanno approvato mercoledì i risultati dell’indagine della commissione speciale sulla disinformazione e l’ingerenza straniera e proposto una serie di contromisure.  

La commissione speciale sulle ingerenze straniere e la disinformazione (INGE) del Parlamento ha realizzato un’indagine su come le potenze straniere compromettono i processi democratici nell’UE, manipolando le informazioni e attuando ingerenze. Nell’indagine, si conclude che paesi malintenzionati possono influenzare le elezioni, organizzare attacchi informatici, reclutare ex esponenti politici di alto livello e polarizzare l’opinione pubblica, senza subire alcuna conseguenza.

Il testo è stato approvato con 552 voti favorevoli, 81 contrari e 60 astensioni.

Nella relazione finale della commissione INGE si evidenzia una generale mancanza di consapevolezza della gravità dell’ingerenza straniera e della manipolazione delle informazioni, condotte prevalentemente da Russia e Cina, aggravata dalle lacune legislative e dall’insufficiente coordinamento tra i Paesi UE.

Nell’aggressione in corso contro l’Ucraina, il governo russo ha dimostrato infatti che “anche le informazioni possono essere trasformate in un’arma”, poiché la Russia diffonde “attività di disinformazione caratterizzate da una malevolenza e una portata senza precedenti” per ingannare i suoi cittadini e la comunità internazionale sulla guerra. Il Parlamento accoglie con favore il divieto recentemente introdotto in tutta l’UE nei confronti di mezzi di propaganda russi quali Sputnik TV e RT.

Azioni di contrasto

Il Parlamento esorta l’UE a creare una strategia per far fronte alla disinformazione, che includa sanzioni specifiche contro le ingerenze straniere e le campagne di disinformazione. Inoltre, i deputati insistono sul coinvolgimento delle organizzazioni della società civile nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica e nella diffusione di informazioni generali, come ad esempio le migliori pratiche adottate da Taiwan. Sottolineano inoltre l’esigenza di una cooperazione per un’azione a livello globale con i paesi che condividono gli stessi princìpi.

Il Parlamento raccomanda poi le seguenti misure:

·  destinare finanziamenti pubblici a mezzi di informazione ampiamente distribuiti e pluralistici, giornalisti, verificatori di fatti (fact checkers) e ricercatori indipendenti;

·  valutare l’eventuale revoca delle licenze alle organizzazioni che diffondono propaganda di Stato straniera;

·  fare in modo che le piattaforme dei social media, veicolo delle ingerenze straniere, smettano di promuovere account falsi anche in lingue diverse dall’inglese;

·  far sì che le università europee riconsiderino la cooperazione con gli istituti Confucio, piattaforme di lobby cinesi;

·  chiedere chiarimenti circa le relazioni “estremamente inopportune” tra alcuni partiti politici europei e la Russia;

·  vietare i finanziamenti stranieri ai partiti politici europei e nazionali;

·  migliorare con urgenza la cibersicurezza e redigere un elenco di software di sorveglianza illeciti, come Pegasus, e

·  rendere più difficile agli attori stranieri reclutare ex politici di alto livello a fine mandato.

Per informazioni più dettagliate, cliccare qui.

Citazione

“La relatrice Sandra Kalniete (PPE, LV), ha dichiarato: “Mentre la guerra è in corso in Ucraina, le piattaforme online e le aziende tecnologiche devono prendere posizione, sospendendo gli account che negano, glorificano o giustificano aggressioni, crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Nel lungo termine, abbiamo bisogno di una strategia chiara da parte della Commissione europea e di norme europee effettivamente vincolanti sulle responsabilità e la trasparenza delle piattaforme online. La resilienza deve essere il nostro scudo protettivo – dovremmo investire fortemente nel sostenere i media indipendenti di qualità, anche nel vicinato UE”.

Il Presidente della commissione speciale Raphaël Glucksmann (S&D, FR), ha dichiarato: “Per vent’anni, le élite europee, alimentate dal mito della fine della storia e convinte di non avere più nemici, hanno mostrato una sconcertante ingenuità e una colpevole leggerezza. Questa commissione, creata per porre fine a questa indolenza, ha lavorato per svegliare l’Europa affinché le nostre democrazie imparino a difendersi”

Contesto

La commissione speciale sulle ingerenze straniere in tutti i processi democratici nell’Unione europea, inclusa la disinformazione (INGE) è stata istituita nel giugno 2020. Dopo aver organizzato una cinquantina di audizioni con circa 130 esperti, il mandato di un anno e mezzo della commissione terminerà il 23 marzo.

Per ulteriori informazioni

Il testo approvato sarà disponibile qui (cliccare su 09/03/2022)

Registrazione video del dibattito (08/03/2022)

Registrazione video della conferenza stampa (08/03/2022)

Estratti video del dibattito e dei risultati della votazione

Procedura (EN/FR)

Think tank PE – interferenze straniere nel processo democratico UE (EN)

Gli europei, inclusi i politici, sono spesso inconsapevoli delle minacce relative alla disinformazione © DIGITALSHAPE / AdobeStock

Maurizio MOLINARI

Responsabile Media del Parlamento europeo in Italia

Alberto DARGENZIO

Addetto Stampa – ROMA

Valentina PARASECOLO

Addetta Stampa – MILANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.