Inflazione

Inflazione” è ormai un termine che si sente molto spesso, proprio perché la situazione economica di diversi Stati dell’Unione europea risulta problematica. Le cause che hanno portato a tutto ciò sono diverse, tra cui si può segnalare quella dell’aumento dei prezzi delle materie prime, ma anche dell’energia e non solo. Una delle motivazioni scatenanti a quanto pare risulta la pandemia.

Inflazione: ecco qual è il problema e quali sono le cause

Inflazione e crisi economica negli ultimi anni hanno un rapporto molto stretto. Secondo gli studiosi infatti i prezzi sono saliti a livelli vertiginosi, tanto che non tutte le famiglie e i cittadini Ue riescono a far fronte al rincaro. Nell’Eurozona oggi tali livelli preoccupano perché la problematica sta infatti interessando tutto il mondo.

Secondo alcune stime calcolate da esperti infatti proprio nell’Eurozona i prezzi al consumo hanno subito un aumento del 5,1% per il mese di gennaio 2022. Per adesso tra l’altro sembrerebbe non essere previsto alcun cambiamento.

Per quanto riguarda le cause, il problema è sorto principalmente con la crescita del costo dell’energia e con l’aumento di quello delle materie prime. Certamente, altre motivazioni si possono riscontrare nelle conseguenze apportate dalla pandemia. Oltre a questo, anche se sembra esserci una ripresa, nonostante le persone spendano in misura maggiore perché grazie alle riaperture hanno ricominciato la loro vita sociale, tuttavia devono fronteggiare prezzi più elevati. Tra l’altro il settore della logistica ha avuto un forte rallentamento e questo contribuisce ad accrescere l’inflazione. In più le aziende, dati i costi alti, non riescono a produrre in modo da rispondere rapidamente alla crescita della domanda. Questo però non è tutto.

I prezzi elevatissimi e le previsioni

Salgono a livelli molto alti anche i costi del petrolio e del gas, oltre a quello dell’elettricità. Proprio il primo in particolare, secondo gli studiosi, viene considerato come uno dei principali responsabili dell’aumento dell’inflazione. Per adesso si possono fare solo previsioni riguardo a quanto potrebbe durare questa situazione, ma tali stime non possono essere considerate certezze.

Secondo la Commissione europea, l’inflazione dovrebbe diminuire l’anno prossimo, ma anche questa rimane solo una previsione. Si potrebbe anche evidenziare lo stretto rapporto tra pandemia e salite inflazionistiche. Per questo, va anche detto che non tutti gli Stati dell’Unione europea sono colpiti da tali problematiche, proprio come non tutti hanno avuto profonde crisi economiche per via della crisi pandemica. Per tali motivi, ci sono nazioni che presentano livelli inflazionistici più alti rispetto ad altri, che magari riusciranno ad arginare prima il problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.